0 0
 

Élément(s) ajouté(s) récemment

Aucun produit

Livraison gratuite ! Livraison
0,00 € Total

Commander

Produit ajouté au panier avec succès

Quantité
Total

Il y a 0 produits dans votre panier. Il y a 1 produit dans votre panier.

Total produits TTC
Frais de port (HT) Livraison gratuite !
Total TTC
Continuer mes achats Commander

Auteurs/Artistes

L'om qu'ou soumnàvat 'd piënte - Jean Giono (francoprovençau)

L-9788898035557

Neuf

1 Elément

En stock

10,00 €

L'om qu'ou soumnàvat 'd piënte - Jean Giono - version en francoprovençau (arpitan) par la traductrice Elisa Giacone. Figure ’d Manuela Marchesàn. Serie Parpalhon, Papiros - Chambra d'Òc.

Plus de détails

STATIC BLOCK

Fiche de données

TypeBroché
Année2018
LangueArpitan (francoprovençal)
Pages28
Format14,8 x 21 cm
DistributeurPapiros - Chambra d'Òc
LabelParpalhon
ISBN978-88-98035-56-4

Plus d'infos

L'om qu'ou soumnàvat 'd piënte - Jean Giono - version en francoprovençau (arpitan)


Quënte i pensou que in om da soul, coun ël sié soule forse ’d corp e d’ahpiri, ou ot bahtà për tirè fora daou dezert sa paìs ’d Canaan, i tróou que, a part tout, la coundisioun ’d l’om i est da amiré.

Jean Giono.

“Quando penso che un uomo solo, ridotto alle semplici risorse fisiche e morali, è stato sufficiente per far uscire dal deserto quel «paese di Canaan», trovo che, a parte tutto, la condizione umana sia ammirevole.”
Jean Giono


Arricchite dai bei disegni di Manuela Marchesan, sono entrate a far parte, in compagnia delle versioni in sardo, algherese e tabarchino, della collana plulingue “Farfalle”. Diego Corraine, ideatore della collana e curatore delle edizioni nelle varie lingue, assomiglia per certi versi al personaggio descritto da Jean Giono. Con lui abbiamo già pubblicato “Il Piccolo Principe” in francoprovenzale, ne stiamo approntando una versione in occitano e abbiamo in progetto altre collaborazioni.


Traductrice Elisa Giacone. Figure ’d Manuela Marchesàn.

Serie Parpalhon, Papiros - Chambra d'Òc.



Présentation de l'éditeur en italien:

L'edizione in francoprovenzale arricchita dai bei disegni di Manuela Marchesan entra a far parte, in compagnia delle versioni in sardo, algherese e tabarchino, della collana plulingue “Farfalle”. Diego Corraine, ideatore della collana e curatore delle edizioni nelle varie lingue, assomiglia per certi versi al personaggio descritto da Jean Giono.

Corraine agisce concretamente acquistando i diritti per tutte le lingue che vogliono aderire alla collana , impagina il vari testi e li pubblica. Un’azione che abbatte notevolmente i costi: mai noi potremmo permetterci pubblicazioni così curate, a quattro colori, con così belle illustrazioni.

Jean Giono, originario dell’Italia, abitava a Manosque e si può dire che fosse un visionario e che credesse fermamente che la responsabilità e l’impegno personale nei confronti della salvaguardia della natura potessero cambiare radicalmnte delle situazioni deteriorate e consolidate.

Nato nel 1895 e morto nel 1970 a Manosque, Provenza, Francia. Figlio di un calzolaio anarchico di origine piemontese, la madre aveva un laboratorio di stiratrici.
Nel 1911, a causa della cattiva salute del padre e della povertà della famiglia, smise di andare a scuola e continuò a studiare come autodidatta. Nel 1915, fu mobilitato per la Grande Guerra, che egli ricorda anche in questo libro.

Incominciò a scrivere dopo aver letto i grandi scrittori classici, soprattutto Virgilio. Dopo il buon esito della sua prima opera, Colline, nel 1929 lasciò il lavoro in banca che aveva per dedicarsi solo alla scrittura di opere letterarie. Nel 1929 per quel libro ricevette il premio “Brentano.
All'inizio della Seconda Guerra Mondiale Jean Giono scrisse le suppliche pacifiste  Refus d’Obéissance, Lettre aux Paysans sur la Pauvreté et la Paix, Précision e Recherche de la Pureté .
Fu arrestato ne 1939 per il suo pacifismo, ma subito dopo fu liberato. Nel 1944, fu accusato di collaborazionismo e fu nuovamente arrestato,nonostante avesse proclamato la sua contrarietà al nazismo. Fu liberato nel gennaio del 1945.
Nel 1953, ricevette il “Prix du orince Ranieri III de Monaco” per tutta la sua opera letteraria. L'anno seguente fu ammesso nell’Accademia Goncourt. La presente opera è sicuramente la più conosciuta di Giono, tradotta in decine di lingue e certamente la più nota dell’autore.


L'auteur:

Jean GIONO ou est na antou 1895 e ou est mort antou 1970 a Manosque an Prouvensa, an Frënsi. Fìi d’in chavatin anàrquic qu’ou vinhit daou Piemount, sa mare i faìit la sti-roira. Antou 1911 soun pare ou vihtàout pa ben e sa famìa i érat gro pova, parei quieù ou ot piantà iquì d’alé a hcola e ou est alà avënti a studié da soul coume aoutodidatta. Antou 1915 ou est vihtà chamà për la gouera, la Gouera Grënda qu’ou cùntat an sa libe-isì. Ou ot tacà a scrive souta l’influensa di ahcritour classic, pi que d’aouti ’d Vir-gilio. Apré qu’aiet saiù soun prim libe, Colline, antou 1929, ou ot piantà-iqui ’d travaié an bënca e ou ot mëc pi dedicase a scrive ’d literatura. Antou 1929 ou ot ricevù lou premi ameriquën “Brentano” për Colline. An prinsipi da secounda gouera moundial ou ot ahcrivù seui suplique pasifiste Refus d’obéissance, Lettre aux paysans sur la pauvreté et la paix, Précisions e Recherche de la pureté.  I eunt arestalou antou 1939 perqué a i érat in pasifista, ma ou est vihtà sùbit liberà. Antou 1944 i eunt jamai arestalou perqué ou aìit coulabourà aveù li nazista, bela qu’ou aìit prouclamà d’ése countrari aou nazismo. Ou est vihtà liberà antou mes ’d gëné dou 1945. Antou 1953 ou ot ricevù lou premi dou prinsi Ranieri III  ’d Monaco për toutë soun opera literaria. L’èn dapré ou est vihtà ammëtù a l’Academia Goncourt. S’l’opera-isì a l’é la pi counheisieù ’d Giono e i est vihtà traduieù an deizene ’d lengue.

Avis

Aucun commentaire client pour le moment.

Donnez votre avis

L'om qu'ou soumnàvat 'd piënte - Jean Giono (francoprovençau)

L'om qu'ou soumnàvat 'd piënte - Jean Giono (francoprovençau)

L'om qu'ou soumnàvat 'd piënte - Jean Giono - version en francoprovençau (arpitan) par la traductrice Elisa Giacone. Figure ’d Manuela Marchesàn. Serie Parpalhon, Papiros - Chambra d'Òc.

Donnez votre avis